Home / ARTEMOSTRE&ALTRO / L’OCCHIO di ALESSANDRO PAESANO (pagina 2)

L’OCCHIO di ALESSANDRO PAESANO

“Diario di un maniaco perbene”, il piacere di ritrovare un cinema italiano che ha ancora qualcosa da dire

di Alessandro Paesano  twitter@Ale_Paesano Giovedì 8 maggio esce nelle sale Diario di un maniaco perbene (Italia, 2013) scritto e diretto da Michele Picchi, alla sua opera prima, incentrata su Lupo, un pittore quarantenne in crisi artistica e personale. Il film sa cogliere con incisività la dolcezza tenera e indifesa con cui Lupo guarda alla vita senza mai riuscire a entrareci ...

Leggi Articolo »

Pasolini Roma. Un’occasione per riflettere sulla società più omofobica d’Europa

di Alessandro Paesano Ha aperto il 15 aprile al Palazzo delle Esposizioni la mostra Pasolini Roma che, dopo essere stata ospitata dal 22 maggio al 15 settembre 2013 a Barcellona, presso il CCCB (Centre de Cultura Contemporània de Barcelona) e, dal 14 ottobre 2013 al 26 gennaio 2014, a Parigi alla Cinémathèque française (Parigi) approda finalmente a Roma, dove resterà ...

Leggi Articolo »

Si conclude la parte romana di Rendez-Vous che ora approda in altre città italiane

di Alessandro Paesano La quarta edizione di Rendez-vous si è conclusa, almeno nella sua tappa romana, ora il festival si sposta in altre città dello stivale. Le pellicole presentate nella giornata conclusiva della sezione romana, diversissime per caratura e ambizione completano il panorama variegato e composito che caratterizza la produzione contemporanea francofona. Tante Hilda! (Francia\Lussemburgo, 2014) di Jacques-Rémy Girerd & ...

Leggi Articolo »

Rendez-vous Festival: un florilegio sempre più interessante del cinema francofono

di Alessandro Paesano Dopo aver vinto a Venezia nel 2006 con Daratt (Saison sèche) e Cannes (Prix du Jury) nel 2010 con Un homme qui Crie, il regista franco-ciadiano Mahamat-Saleh Haroun ha diretto GrisGris  (Francia/Ciad, 2013) presentato ieri alla terza giornata di programmazione di Rendez-vous. Il film racconta la storia di GrisGris un giovane ciadese con una gamba priva di ...

Leggi Articolo »

Rendez-vous: il 4 aprile solo film diretti da donne, belli, meno belli, mai banali

di Alessandro Paesano Ricca e intensa giornata di programmazione ieri (4 aprile, ndr) per la quarta edizione di Rendez-Vous, nella quale abbiamo scelto tre film, tutti diretti da donne, ma non li abbiamo scelti per quello,  di diversa caratura ma che ognuno, a suo modo, consente di saggiare la salute o, se preferite, lo stato dell’arte del cinema contemporaneo francofono. ...

Leggi Articolo »

Rendez-vous Festival, Chomsky di Michel Gondry fa il tutto esaurito

di Alessandro Paesano E dopo l’anteprima a inviti del film di Bertrand Tavernier, che, ahinoi, ci siamo persi, ieri si è ufficialmente aperta la quarta edizione di Rendez-Vous nuovo cinema francese un festival che, con una quarantina di titoli, propone un panorama del cinema contemporaneo d’oltralpe in anteprima nazionale, più qualche titolo in bianco e nero, meravigliosamente restaurati. Un festival ...

Leggi Articolo »

Porno Mondo all’Orologio di Roma: quando il teatro si fa documentario

di Alessandro Paesano Porno mondo si presenta come il primo documentario teatrale che va in scena con la complicità di due attrici e un attore resi rigorosamente anonimi dalla stessa mascherina che indossano i e le partecipanti dei porno casalinghi. Il documentario non verte però sulla pornografia in generale, ma sulla quella di internet fatta di interazione, quella delle chat ...

Leggi Articolo »

Apre a Roma la IV edizione di Rendez-Vous, appuntamento con il nuovo cinema francese

di Gaiaitalia.com Rendez-vous, appuntamento con il nuovo cinema francese, festival itinerante dedicato al nuovissimo cinema d’Oltralpe si apre a Roma il 2 aprile 2014 e si concluderà il 10 maggio a Milano. Il festival parte dalla Capitale e, nell’arco di più di un mese, toccherà le città di Palermo, Bologna, Torino, Milano, e da quest’anno, anche Napoli. Ciascuna ripresa del Festival ...

Leggi Articolo »

“Felice chi è diverso”: Gianni Amelio racconta un’omosessualità in gran parte superata, ma non da lui

di Alessandro Paesano Felice chi è diverso di Gianni Amelio restituisce le interviste fatte a venti uomini gay, tutti in età avanzata, che raccontano vicissitudini personali e i ricordi di gioventù, riguardo il proprio orientamento sessuale in base al quale sono stati variamente discriminati. Racconti fatti alla videocamera senza ascoltare le domande. Dal ragazzo d’epoca fascista che voleva fare il ...

Leggi Articolo »

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne clicca su "leggi di più". Questo sito utilizza cookies di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi