Fino al 21 luglio il solito Sant’Arcangelo dei Teatri

35

Santarcangelo dei Teatri 2013di Anna Maria Locchi

Lo chiamano “longevo”, lo chiamerei “morto”.

Sant’Arcangelo dei Teatri edizione 43 (il prossimo anno festeggeremo i gatti) con al centro la piazza Ganganelli. La solita storia anche quest’anno?

Non so. Non ci vado da qualche tempo, da quando ho cominciato a vedere i soliti nomi ripetersi per alcune volte e persone che mi incontravano in sede neutra e quasi mi baciavano in bocca che una volta a Sant’Arcangelo mi toglievano il saluto.

E’ il potere della kultura in Emilia Romagna, ce n’è tanta, ma è sempre la stessa e se sei fuori dal coro sei fottuto: così anche quest’anno Fanny & Alexander, Danio Manfredini, Silvio Castiglioni, il Teatro delle Albe, tanto perché si capisca chi comanda a tavola.

Poi altri nomi interessantissimi: François Chaignaud e la performer Lotte van den Berg con il coinvolgimento del pubblico e degli (si spera) ignari passanti.

Non vedo il nome dei Motus, né di un gruppo prodotto da Emilia Romagna Teatro o Accademia Perduta, la qual cosa mi preoccupa. Forse qualcosa sta cambiando nella terremotata tera dell’immobilità culturale?

Intanto sappiate, anche se lo sapete, che Santarcangelo di Romagna è a 15 minuti da Rimini, dove, se ancora qualcuno non lo sa, si mangia la piadina. E dato che si parla di novità?

Fino al 21 luglio.

Info? Cliccate qui.