Home / CULTURA / Week-End Letterari di Gaiaitalia.com: Bo Summer’s “Scrivere come dio”, di animo e di gioie

Week-End Letterari di Gaiaitalia.com: Bo Summer’s “Scrivere come dio”, di animo e di gioie

Weekend Letterari Newdi Bo Summer’s  twitter@fabiogalli61

 

Bo Summer’s,

se l’animo si potesse catalogare, se la gioia quotidiana fosse piuma

… se l’animo si potesse catalogare, se la gioia quotidiana fosse piuma… non vorrei disturbare alcuno e posso appena osservare.

È la tua domanda sull’Angelo – sul tuo Angelo – che m’infuoca e che mi fugge il sangue: io non sono un critico letterario, io posso soltanto darti alcuni strati del reale evocamento di felicità che mi ha provocato il gesto del tuo dono: quel libro mi è caro, è un’ambra creaturale, un concentrato ben avvertito e un gradito annunzio. E la tua lettera è una buona incisione, un’impressione di levità e gentilezza (non ne conosco abitudine): essa è come una notte d’aprile, assolutamente definitiva a sostituire il silenzio invernale.

Da molti anni non scrivo più. Non più a nessuno. Per te un’eccezione che mi piacerebbe divenisse regola, un forzato usciolo della mia casa mentale.

Grazie per il tuo Stevens [mi riferivo alla traduzione di Aforismi e prose di Wallace Stevens pubblicata da Ripostes], sperando che il mio Verlaine[si trattava di una mia piccola plaquette, una ingombrante versione di Melancholia edita per i tipi bresciani di L’Obliquo edizioni] ti arrivi.

[penso fosse sett/ott 1993]

… dalle labbra una cara origine: la non riuscita rinuncia ad ogni cosa: tuttavia l’orgoglio regge: stordisce piuttosto.

Ti ho promessa questa lettera, questa non buona natura: tutto non è innocente, l’avvelenata realtà redime al poco sapere e io, nulla conoscendo, sogno brandendo i miei occhi quale arma – una grazia, una medicina per la mente, un dormire del pensamento – guardare. Bianca, la tela della mente, redige così un mondo nuovo, dove nembi pendono e buonissime poche figure ci procedono verso la guarigione e precederle, queste figurazioni, già annunciano il niente: SEMPRE A TESTA BASSA!

Rimpiango le veglie immutate – nel caso esistano tuttora – e perciò: paradiso o inferno, cosa sarebbe se le tracce, le nostre tracce, restassero nel loro mattino?, non crescessero?

E faccio un’altra domanda: prima ancora del nostro passare chi – DICO: CHI – è passato?

con occhio chiaro non muto le veglie, attento lo sguardo: il riconoscimento è una regale mano, caro.

[ottobre ’93]

… certo, le cose non vanno “male” ma ci vorrebbe qualche cosa di imprevedibile: il non scoperto: il senza limite: l’occasione dell’anormale: la pur minima occasione. Ecco, questo ci vorrebbe.

E non ci vorrebbero confessioni, e non ci vorrebbero avventure, e non ci vorrebbero mirabili imprese.

Non badare – è preghiera – ai miei ritardi nel risponderti ma occorre sostituire ogni pensamento con un altro meno indegno… basta, ora.

Che sarebbe se realmente ti dicessi – in tutta la mia voce – l’imbarazzo che ormai mi procura questa redazione in cui lavoro. È un mormorio bestiale, il mio, un fondo di paginetta: un moltiplicarsi di nubi a stare ancora qui… ah ma non ci resterò ancora per molto tempo!

Mi repelle.

Nulla ci è contrario, solo i nostri intendimenti lo sono.

Ogni vero tratto è una reale demarcazione della nostra debolezza e del Mondo… ma non si va l’oltre l’aspetto del Mondo (e della nostra debolezza): qui è spargere ogni pura conseguenza, ogno “costruire”: è un risultato assurdo, come una inferocita nebbiolina.

I visitatori stanno alle parole e non alle occhio: ascoltano e non vedono. Quale pensiero è davvero quadro di tela: quale superficie da riempire è un pensamento? e quale servigio punisce a meraviglia?

Restare ancora da questo editorucolo a lavorare o andarmene?

Attenuata la sorgete, in minor forma, che ci sto ancora a fare qui?

Alto al visibile s’attende il partire vermiglio: la marcia di cattura ove “batteva il sole di mezzogiorno. La morte” cruda e oro, l’intendimento al solco: così appare scoperto ogni rimorso, una bestia affamata. Una pura bestemmia. Il vetro è specchio d’ogni offerta al lume, a quel succo di terreno inanime e prono.

Ora niente più: colpire la buona ventura.

Andarmene.

Tranquillità del sonno ci raggiunge. E mi raggiungerà. È un’argentea lucidità, una tregua. Causa del freddo. Ma assolutamente cheto, sono. Fuori di qui si respira, alfine.

Una inabitata coscienza riserba le apparenze: all’Angelo le strette di mano? speranza e riguardo: causa di soccorrimento.

Ma ecco che adesso il sottile terrore minaccia, poco alla volta. Sparirò davvero. Non è ancora finita la nostra diabolica presenza: è la parola finale del bosco. Certe fiamme alzano, a questo Mondo, lo stato di miseria e il silenzio cattivo.

Se misurassimo ogni nostra necessità quale afflitta immagine di noi stessi. Ma qualcuno non ha più occhi profondamente incassati.

Gesti e pensamenti in accordo dovremmo avere, con lo sguardo come se volessimo affascinarci con un pezzetto di specchio… ben disposti a questi eventi.

Andarsene e mollare tutto. Non scrivere mai più.

 

©bo summer’s 2013
tutti i diritti riservati
©gaiaitalia.com 2013
per gentile concessione
riproduzione vietata

[useful_banner_manager banners=16 count=1]

Facebook Comments

Comments

comments

gaiaitalia.com

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne clicca su "leggi di più". Questo sito utilizza cookies di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi