Home / ARTEMOSTRE&ALTRO / L’ingiustificabile e cieco furore nazionalpopolare di Carlo Conti

L’ingiustificabile e cieco furore nazionalpopolare di Carlo Conti

Lillo & Gregdi Ghita Gradita

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Così che Carlo Conti, nel furore nazionalpopolare che lo contraddistingue, dopo l’empowerment seguito ai fasti sanremesi, ha deciso di fare fuori dalla programmazione di RadioRai il programma “610” di Lillo & Greg, trasmissione radiofonica con uno seguito straordinario e con un volume di ascolti di podcast e streaming da fare tremare le gambe a qualsiasi network radiofonico. Viene il sospetto che il direttore artistico, quanto gli piacciono i titoli, debba in qualche modo liberare spazio per Leonardo Pieraccioni e Giorgio Panariello (con i quali si trova ora in tournée, pare che la gente muoia dal ridere, ma la notizia si tiene nascosta per non allarmare il pubblico) personaggi morti da un paio di lustri e che soltanto l’amicizia del potente (momentaneamente) Conti possa risollevare dalla polvere. Conti non è solo un cavallo zoppo che durerà il tempo di uno sternuto, è un cavallo cieco. Le due cose, insieme, sono un disastro.

 

 

 

 

 

 

 

 

(4 agosto 2016)

 

 

 

 

 

 

 

 

©gaiaitalia.com 2016 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 

Facebook Comments

Comments

comments

gaiaitalia.com

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne clicca su "leggi di più". Questo sito utilizza cookies di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi