Home / ARTEMOSTRE&ALTRO / “L’Italia Migliore” di Vladimir Luxuria, un romanzo contro le illusioni

“L’Italia Migliore” di Vladimir Luxuria, un romanzo contro le illusioni

Vladimir Luxuria L'Italia Miglioredi Ennio Trinelli

Ho letto con piacere il libro di Vladimir Luxuria “L’Italia Migliore”, e sarebbe molto più semplice raccontare la storia, dire che bello, brava, clap clap e finito lí, ma non è ciò che voglio scrivere. Non è ciò che m’interessa del romanzo.

Nemmeno m’interessa scrivere di chi possa essere la disperata conduttrice televisiva cocainomane o di quanta esperienza personale di Vladimir Luxuria ci sia nel libro. Vorrei parlare della scrittrice Luxuria, e della cultura che dietro la scrittrice Luxuria, c’è.

Il primo capitolo, con lo splendido incipit, ci introduce nella vita della protagonista attraverso la presentazione della madre e della sorella di lei. Ma è il gusto per il particolare, per la descrizione puntuale, rigorosa di un ambiente, un sentimento, ciò che colpisce gradevolmente. I dialoghi misurati tra madre e figlia, le paure così pudicamente narrate, senza sbirciare dall’occhio della serratura, il senso del ritmo e l’attenzione al linguaggio, tutto rigorosamente e chiaramente raccontato, con in sottofondo l’ironia feroce cui il personaggio Luxuria ci ha abituati che attinge dalla grande intelligenza con la quale Luxuria ci ha conquistati.

Vladimir Luxuria 00

Il libro si legge velocemente, ed è un pregio, ma è tutto fuorché una storiella: l’escamotage narrativo nasce da mondi che Vladi conosce assai bene, ma avrebbe potuto ambientarlo ovunque, anche in un ospedale da campo nel deserto, documentandosi su ciò che succede in un ospedale da campo nel deserto, cosa che sicuramente avrebbe fatto. “L’Italia Migliore” è un grido contro i mali della società odierna: l’egoismo, la superficialità, il successo perché sì, le ingiustizie sociali, il malessere, la famiglia tanto difesa e così oscura nel suo nucleo più privato, la prevaricazione, l’incultura e l’ignoranza, che non sono la stessa cosa. Anche per questo, oltre che per la bella storia impreziosita dalle feroci battute cui Luxuria ci ha abituati, il libro va letto.

In chiusura, una piccola osservazione: credo di essere uno dei pochi, forse dei pochissimi a sapere che Vladimir Luxuria (che tra le altre cose canta benissimo) ha quello che i musicisti chiamano “orecchio assoluto”. Lo so perché sì. E va bene così. Ebbene, “L’Italia Migliore” è anche di questo “orecchio assoluto” che vive: della capacità di ascoltare le note trasmesse dall’ambiente, riconoscerle e infine cantarle con la musica che è propria di chi ce l’ha dentro anche senza saperlo.

Il libro è edito da Bompiani ed è già in libreria. Acquistarlo e leggerlo d’un fiato sarà tutt’uno.

 

 

 

 

[useful_banner_manager banners=8 count=1]
©gaiaitalia.com 2013
tutti i diritti riservati
riproduzione vietata
[useful_banner_manager banners=3 count=1]

 

 

 

 

 

 

[useful_banner_manager banners=4 count=1]
Facebook Comments

Comments

comments

gaiaitalia.com

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne clicca su "leggi di più". Questo sito utilizza cookies di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi