Home / ARTEMOSTRE&ALTRO / Festival Internazionale del Film di Roma, “Song of the sea”: senza sentimenti diventiamo di pietra
Private Label 468x60

Festival Internazionale del Film di Roma, “Song of the sea”: senza sentimenti diventiamo di pietra

son 1di Alessandro Paesano twitter@Ale_Paesano

Song of the Sea (t.l. la canzone del mare) (Irlanda, Lussemburgo, Belgio, Francia, Danimarca, 2014) di Tomm Moore, è uno splendido film di animazione che si impone visivamente per il tratto acquarellato molto distante dalle soluzioni grafiche della’animazione  contemporanea tanto quella iperrealista iperrealista tanto quella stilizzata che tende all’iconismo. Il racconto leggendario suggerisce un tratto grafico autonomo a metà strada tra le illustrazioni dei libri di fiaba e il fumetto.  Nella storia inventata dallo stesso regista – che si è ispirato a leggende di impianto magico naturista irlandese -, spicca al di là dei dettagli della trama, il tema dell’elaborazione del lutto e dell’importanza dei sentimenti la cui assenza ci trasforma in pietre. La morte della madre, l’eredità di una diversità altra che si tramanda di madre in figlia, l’impossibilità maschile di accettare queste differenze, pur essendo temi noti sono esposti con singolare efficacia in un impianto narrativo coerente nel quale emerge con chiarezza la necessità di vivere appieno le emozioni, i maschi come le femmine, emozioni anche negative o dolorose che non possiamo evitare senza pietrificarci e dormire, che è un altro modo di morire.

Un film meno sessista del solito (anche se le grandi figure di riferimento rimangono sempre quelle maschili) che dimostra la liceità dei sentimenti per tutte e tutti anche per i bambini e i papà.

Abbiamo assistito alla proiezione in una sala gremitissima di bambini e bambine che hanno seguito la proiezione in lingua originale inglese con sottotitoli in italiano in religioso silenzio esplodendo in un applauso catartico quando, nel finale, la situazione che sembrava disperata si scioglie nel canto colorato della piccola protagonista che con la propria voce risveglia le creature pietrificate da una  strega apparentemente cattiva che in realtà voleva solo evitare a suo figlio il dolore di avere perso la donna che amava.song 4
Perché prima o poi perdiamo nostra madre, chi dopo chi prima e il lutto dobbiamo imparare a elaborarlo. Solo chi ha il cuore di pietra può credere che il lutto non si addica all’infanzia. La sala vociante dimostra al di là di ogni dubbio che la vita e la morte sono concetti chiarissimi anche in tenera età e che i sottotitoli non son difficili da leggere come lamenta gran parte del pubblico adulto tanto che l’infanzia ci riesce benissimo e lo trova alquanto naturale.

Un’altra splendida sorpresa di Alice nella città che non ci ha mai deluso sin dalla prima edizione della Festa del cinema.

Rimane da chiedersi se, essendo un film niente affatto in linea con l’ipertecnologismo nordamericano, questo film troverà una distribuzione italiana…

 

 

 

 

 

 

 

 

 

(21 ottobre 2014)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

©alessandro paesano 2014
©gaiaitalia.com 2014
diritti riservati
riproduzione vietata

 

Facebook Comments

Comments

comments

gaiaitalia.com

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne clicca su "leggi di più". Questo sito utilizza cookies di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi