Home / ARTEMOSTRE&ALTRO / Nasce a Torino una nuova etichetta discografica: Solitunes Records

Nasce a Torino una nuova etichetta discografica: Solitunes Records

Solitunes Recordsdi Gaiaitalia.com

“Un’isola deserta, un musicista, un microfono. Una dichiarata discriminazione di numero, mai di genere. Dovunque la musicalità porti il suo autore: alla canzone o alla musica astratta, a una linea sola o a più voci sovrapposte. Immagina un autoritratto. Un autoritratto in musica. E poi mettiti in ascolto”. Non poteva essere più allettante la presentazione di una nuova casa discografica che senza mezzi termini espone la sua filosofia operativa, prendendo spunto dalla visione di un microfono e un musicista in solitudine su un’isola deserta. E’ il grande desiderio di Solitunes Records, nata a Torino con un obiettivo preciso, pubblicare solo dischi realizzati in solitudine da unici musicisti. I tre fondatori di Solitunes si esprimono in contesti collettivi, tra improvvisazione, jazz, contemporanea e musica di frontiera, ma conoscono a fondo le potenzialità e il fascino della musica “in solo”: Federico Marchesano e Stefano Risso (entrambi contrabbassisti e compositori) insieme a Francesco Busso (ghirondista attivo in campo folk e grafico).
L’etichetta vuole documentare il percorso interiore, compositivo ed esecutivo di un unico musicista, senza vincoli di genere, alla ricerca della propria voce o del proprio suono, e i primi tre titoli sono una dimostrazione eccellente dello spirito e del lavoro di Solitunes. Tentacoli di Stefano Risso è un album di contrabbasso solo fortemente prodotto, che rielabora i suoni “sbagliati” (quelli solitamente scartati nelle normali sessioni di registrazioni). Solo contrabbasso anche per Federico Marchesano: The Inner Bass attraversa svariate tecniche di esecuzione e incisione e anche diversi generi, dall’acustico al noise. Dal basso alla chitarra acustica: La memoria dell’acqua di Enrico Negro è un viaggio completamente privo di effetti e sovraincisioni che mette a nudo la sei corde, dal folk fino alla musica classica e colta.
“Solo dischi in solo” va oltre lo slogan e diventa la spina dorsale di una dichiarazione di intenti, accompagnata da un manifesto programmatico: settantatre punti variabili e suscettibili di contraddizioni, eccezioni e negazioni, come il 28-29 (Preferenzialmente i dischi Solitunes possono essere fatti da figli unici di figli uniciI non figli unici dovranno invece pubblicare dischi di un(d)ici brani) e il 50 (Solitunes per i mancini diventa Senutilos), che verranno puntualmente lanciati e commentati sulle pagine web di Solitunes. Gli artisti dell’etichetta presenteranno dal vivo i rispettivi lavori, con concerti sia in Italia che all’estero: ovviamente in solo.
(9 settembre 2015)
©gaiaitalia.com 2015 – diritti riservati, riproduzione vietata
Facebook Comments

Comments

comments

gaiaitalia.com

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne clicca su "leggi di più". Questo sito utilizza cookies di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi