Home / ARTEMOSTRE&ALTRO / Milano Film Festival, chiusa l’edizione 2016: tutti i vincitori

Milano Film Festival, chiusa l’edizione 2016: tutti i vincitori

milano-film-festival-2016-04-gulistandi Redazione

 

 

 

Si è concluso il Milano Film Festival, programmato nel capoluogo meneghino dall’8 al 18 settembre, ecco tutti i vincitori:

 

MILANO FILM

Concorso Lungometraggi

La Giuria del 21° Milano Film Festival, composta da Rebecca De Pas, Bruno Di Marino, Philippe Grandrieux, assegna i premi:

Miglior Film a:

GULîSTAN, TERRE DE ROSES di Zaynê Akyol/ Canada, Germany / 2016 /86’

Attraverso la semplicità di un linguaggio che coniuga realismo e metafisica, il film mostra – senza alcuna oscenità – la crudeltà della guerra, rifuggendo ogni sensazionalismo e celebra la vita malgrado la minaccia onnipresente della morte. Un’opera necessaria che ci riguarda tutti da vicino.

Concorso Cortometraggi

La Giuria del 21° Milano Film Festival, composta da Kinodromo di Bologna, assegna i premi:

Miglior Film

LIMBO

Konstantina Kotzamani / France, Greece / 2016 / 30’

Attraverso una scelta stilistica curata, fortemente connotata e di impatto, questa opera spicca per la capacità di suggestionare lo spettatore trasportandolo in un mondo chiaramente indefinito ma ricco di significati e simbologie. In un momento storico in cui il mare è portatore di morte ma anche di speranze di vita, la metafora del “né vivo né morto” portato dall’acqua si carica di senso, senza tuttavia perdere ulteriori livelli di interpretazione. Un cast efficace ed emozionante, diretto con consapevolezza, va ad arricchire la coerenza tra forma e contuto che rende questo lavoro meritevole del primo premio.

Menzione Speciale

METUBE2 : AUGUST SINGS CARMINA BURANA

Daniel Moshel / Austria / 2016 / 5’

Raramente capita di essere trasportati in una avventura visiva che ti stupisca dall’iniizo alla fine. Una piccola perla che unisce una tecnica di ripresa apparentemente amatoriale ad una grande consapevolezza del linguaggio e dell’uso del mezzo, il tutto arricchito da un carosello di personaggi kitsch e grotteschi che accompagnano lo sguardo dello spettatore nel folle immaginario del regista regalandogli 5 minuti di vero stupore.

Menzione Speciale

GOOD NEWS

Giovanni Fumu / South Korea, Italy / 2015 / 17’

Darsi il tempo di osservare gli attori, seguendoli e lasciando fuori campo ciò che non è indispensabile; usare il suono e la fotografia per aumentare la tensione che grava sulla scena. Grazie a questi elementi la regia si rivela matura ed essenziale e coglie l’”amaro” dell’anima senza giudicarla mai, raccontando con tono forte ma delicato la storia di due adolescenti di fronte ad un episodio complicato delle proprie esistenze.

Premio Nastro Azzurro Video Talent Award

Innovation on languages:

Il Discorso Amoroso – Percorso Sensoriale.

Di Abreu Estepheny, Nobrega Melim Renata, Nocchi Sara, Piazza Marianna

Per la capacità di scavare sotto la superficie progettuale con intensità e la rara attenzione alle finalità sociali, che permettono l’allargamento della base della fruizione e quindi del possibile pubblico.

Innovation on tools:

Triart

di Duccio Brunetti, Nicolò Marchi, Federico Mattia Papi

Per l’intuizione progettuale che traspare dentro una struttura capace di tracciare i tempi e compenetrare i modi, coinvolgendo un discorso di collettività che attraversa i confini.

Premio Aprile

attribuito dal comitato di selezione al film che meglio rappresenta lo spirito del festival a Bernardo Britto per:

JACQUELINE (ARGENTINE) di Bernardo Britto / USA / 2016 / 87’

GLOVE di Alexa Lim Haas, Bernardo Britto / USA / 2016 / 6’

Per l’abilità di giocare con i generi nel suo primo lungometraggio, superando ogni costrizione narrativa e produttiva e riuscendo sempre a disattendere le aspettative dello spettatore. Per la capacità di unire macrocosmo e microcosmo in tutte le sue opere, sia live action che animate, con epopee che riportano nello spazio e sul surreale terreno della politica internazionale la poesia della piccole cose e le ossessioni umane. Per un percorso artistico che si snoda tra cortometraggio e lungometraggio, in una costante ricerca di libertà espressiva, che incarna al meglio la natura stessa della selezione di Milano Film Festival.

Premio dello staff

houSE ArrEST

Matthias Sahli / Switzerland / 2015 / 13’

Per la fredda e geometrica atmosfera che crea al contempo un sottofondo comico, avvicina lo sguardo lo dello spettatore al punto di vista del protagonista, accompagnandolo sempre di più in un viaggio senza ritorno. Con un sapiente utilizzo di una regia statica, che non annoia ma incuriosisce, mostra, senza scendere in toni grotteschi, un’estremizzazione, a tratti molto realistica, di un possibile spaventoso futuro in cui le macchine scandiranno sempre più l’esistenza umana. Avvalendosi di uno sguardo al contempo fresco e giovane ma anche pienamente consapevole delle proprie capacità realizza un prodotto maturo. Nonché bello da vedere. Divertente, chirurgico, caustico e sincero…

Il premio di un corso di sceneggiatura presso Belleville – La Scuola destinata alla realizzazione della sceneggiatura, per il miglior soggetto del bando Open Land va a:

Andreina Speciale con Open Water

Menzione speciale:

Elzbieta Pieckacz per Blanketts of Love

Per il potere evocativo che ha sull’immaginario, il suono e l’immagine che regalano il senso dell’amore e dell’assenza, e la capacità di rendere tutto attraverso la scrittura

Premio del Pubblico – Lungometraggio

UNDER THE SHADOW

Babak Anvari / Iran, Jordan, Quatar, UK / 2016 / 83’

Premio del Pubblico – Cortometraggio

ex aequo:

DECORADO

Alberto Vázquez / Spain, France / 2016 / 11’

flowErS And BoTToMS

Christos Massalas / Greece / 2016 / 6’

Premio Miglior Animazione

assegnato in collaborazione con WACOM

GLOVE

Alexa Lim Haas, Bernardo Britto / USA / 2016 / 6’

Per la capacità di coniugare racconto e animazione, trasformando la storia di un oggetto perduto nel 1968 in una vivida metafora delle nostre esistenze. Un cortometraggio che punta il suo sguardo alle stelle ma che riesce a raccontare qualcosa di molto profondo sulla nostra vita e le nostre radici, fossero anche una semplice fabbrica di guanti (reggiseni) della provincia americana.

Premio Docucity/UNIMI per il miglior film documentario sulla città assegnato da una giuria di studenti dell’Università degli Studi di Milano, in collaborazione con Docucity

LA VALLÉE DU SEL

Christophe M. Saber / Switzerland / 2016 / 62’

Il film racconta con realismo e naturalezza una vicenda estremamente attuale, specchio del contrasto e della situazione vissuta dalle minoranze religiose in Egitto dopo la Primavera Araba. Il regista propone in maniera onesta un’esperienza famigliare attraverso l’oggettività della telecamera, adoperata come occhio innocente ed intimo. Per l’incisività e l’immediatezza con cui cattura l’attenzione dello spettatore.

Menzione speciale cortometraggio

TOUT LE MONDE AIME LE BORD DE LA MER

Keina Espiñeira / Spain / 2015 / 16’

Per la cifra stilistica della fotografia, estremamente suggestiva e in grado di riportare la dimensione onirica del confine.

Menzione speciale lungometraggio

TIDES – A HISTORY OF LIVES AND DREAMS LOST AND FOUND (SOME BROKEN)

Alessandro Negrini / UK, Ireland, Italy / 2016 / 40’

Per la sapiente sperimentazione di un’immersione in chiave poetica e musicale nell’universale tema del confine

 

 

 

 

(19 settembre 2016)

 

 

 

 

 

 

©gaiaitalia.com 2016 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 

 

 

 

 

Facebook Comments

Comments

comments

gaiaitalia.com

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne clicca su "leggi di più". Questo sito utilizza cookies di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi