Home / Altre Città / Camille Claudel, o di quando il talento parla da solo

Camille Claudel, o di quando il talento parla da solo

di Giorgia Trinelli #Arte twitter@gaiaitaliacomlo #Scultura

 

 

Perché dietro a una donna artista, o meglio, perché dietro a una donna di talento deve sempre esserci un uomo, o il talento essere definito maschile? Retaggio culturale, forse, o inesistente rispetto di un mondo al maschile per il talento: quando è puro e quando è al femminile.

Non importa il periodo in cui si nasce, gli ostacoli anche famigliari e sociali che si possono incontrare, non importa il compagno scultore, non importa chi ci fosse dietro o davanti. Non importa quando non si è solo una scultrice, ma ci si chiama Camille Claudel. Perché in Camille Claudel il talento parla da solo.  Non importa chi fosse, cosa facesse, se si arrampicasse sulle impalcature con i pantaloni o con le gonne, importa che abbia scolpito opere meravigliose, la cui forza, la cui carica emotiva anche disperata, rompe con qualsiasi romanticismo, verismo o romanticismo.

Forte, plastica, volumi rotondi, morbidi. Generosa nella classicità e fine nel concetto.

Luci e ombre danzano sulle figure, il materiale forgiato è nato apposta per fare nascere quel soggetto. Classe, garbo, talento e sapienza che esplodono nella sofferenza, nella passione. Le rifiniture pazienti, pregiate e essenziali come le forme. Priva di orpelli, semplice e minimalista e insieme profonda e struggente. Le sue opere, la sua biografia, scolpita, nata prima nell’anima e poi sofferta per esplodere nella realizzazione delle opere che scandiscono la sua vita interiore, i suoi tormenti. Ogni colpo di scalpello cela una lacrima o forse un sorriso, rabbia e gioia, dolore e estasi. Opere di complessa plasticità rese semplici da una struttura minimale.

Privata dalla famiglia della propria espressione di vita, privata della possibilità di essere chi sente di essere, la sua personalità sfocia nella psicosi, nella follia che la porterà a uccidere le sue opere come hanno ucciso la sua anima. Forse l’espressione artistica è davvero terapeutica per chi sente forte l’esigenza di esprimere se stesso attraverso l’arte che sia musica, letteratura o arti figurative.

Forse per Camille Claudel, come per altre figure, esprimere la propria arte era una forma terapeutica per esprimere e forse combattere il proprio disagio, ma di fronte all’impedimento espressivo anche i demoni più nascosti hanno avuto la meglio, vincendo sulla creatività perduta.

 

 

Musèe Camille Claudel

Nogent-sur-Seine

www.museecamilleclaudel.fr

 

 




 

(25 maggio 2018)

©gaiaitalia.com 2018 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 





 

 

 

Facebook Comments

Comments

comments

gaiaitalia.com

Lascia un Commento

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne clicca su "leggi di più". Questo sito utilizza cookies di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi