Home / Altre Città / Pesaro, dal 16 giugno la 54ª Mostra Internazionale del Nuovo Cinema

Pesaro, dal 16 giugno la 54ª Mostra Internazionale del Nuovo Cinema

di Redazione #Cinema twitter@gaiaitaliacomlo #Cultura

 

 

Ideato e realizzato da Alessandro Baronciani, è dedicato a una “ragazza gigante” il manifesto della 54. Mostra internazionale del nuovo cinema/ Pesaro Film Festival, perché quest’anno il Festival è dedicato al cinema femminile: registe, attrici, filmmaker, sceneggiatrici e tutte quelle che, lavorando nel mondo del cinema, l’hanno fatto diventare importante, grande.

Infatti, per la prima volta nella sua lunga storia, la 54. Mostra Internazionale del Nuovo Cinema diretta da Pedro Armocida (a Pesaro dal 16 al 23 giugno, http://www.pesarofilmfest.it/) propone un approfondimento tematico sul cinema al femminile in Italia. Con “We Want Cinema. Sguardi di donne nel cinema italiano” – una rassegna in collaborazione con la Fondazione Centro Sperimentale di Cinematografia – Cineteca Nazionale, con 8 serate dedicate all’incontro con altrettante cineaste e i loro film e un volume monografico omonimo (Marsilio Editori) a cura di Laura Buffoni – si vuole proporre un’analisi a tutto campo sul cinema italiano pensato, scritto e fatto dalle donne: registe, sceneggiatrici, attrici, produttrici, montatrici, scenografe, costumiste…

Su questa falsariga si muovono un po’ tutte le sezioni come quella dedicata agli “Sguardi femminili russi” o la panoramica sui migliori corti di animazione con il focus su Beatrice Pucci. Oltre alle le due sezioni principali, il “Concorso Pesaro Nuovo Cinema” e “SATELLITE.Visioni per il cinema futuro” tutta dedicata al cinema italiano extra-industriale: il programma completo sarà presentato a Roma venerdì 8 giugno.

Una “ragazza gigante” perché quest’anno il Festival è dedicato al cinema femminile: registe, attrici, film maker, sceneggiatrici e tutte quelle che, lavorando nel mondo del cinema, l’hanno fatto diventare importante, grande. Parlandone al telefono con Pedro Armocida ci è venuto in mente la scena di Alice che improvvisamente cresce a dismisura nella casa del Bianconiglio fino a distruggerla del tutto. Ci piaceva come immagine, ci ha convinto subito e così ho disegnato la “nostra Alice”, mentre diventa grande in un cinema che ricorda quelli di questa città: Pesaro, che ha fatto nascere il Festival 54 anni fa. Un Festival che ho sempre amato e di cui ho realizzato il manifesto in questa importante edizione. Sono molto contento. Non vedo l’ora di collezionare il poster e il programma di quest’anno.

Alessandro Baronciani (Pesaro, 10 maggio 1974) dopo aver conseguito il diploma in disegno animato all’Istituto Statale d’Arte “Scuola del Libro” di Urbino, si trasferisce a Milano, dove lavora nel campo pubblicitario in qualità di art director per Leo Burnett e Mc-Cann Erickson. Contemporaneamente, disegna e autoproduce fumetti-postali basati su una corrispondenza attiva tra lettori e autore stesso. Piccolo caso nell’editoria DIY (Do It Yourself), i lettori diventano infatti parte delle storie che illustra e che poi spedisce alla cerchia di abbonati. L’esperimento letterario dura per cinque anni e si formalizza nei libri Una storia a Fumetti e Raccolta 1992/2012.

Nel 2011, realizza le graphic novel Quando tutto diventò blu e Le ragazze nello studio di Munari, un libro a fumetti in cartotecnica dedicato a Bruno Munari. Nello stesso anno, l’opera gli fa ottenere il Premio  XL – La Repubblica, e il Premio Carlo Boscarato al Treviso Comic Book Festival.  Nel 2014 pubblica I qui girls, un libro che contiene una raccolta delle sue migliori illustrazioni. La sua produzione prosegue nel 2015 con La Distanza, un fumetto realizzato on the road insieme al cantante siciliano Colapesce, pseudonimo di Lorenzo Urciullo. Dal loro incontro artistico nasce anche il Concerto Disegnato un tour che porta Baronciani ai disegni e Colapesce alla chitarra acustica in uno spettacolo fatto di proiezioni e live painting che tocca più di 50 città italiane. Nel 2016, illustra il libro per ragazzi Nello spazio con Samantha, scritto dall’astronauta Samantha Cristoforetti insieme al fisico Stefano Sandrelli, edito da Feltrinelli. Sempre nello stesso anno, pubblica Come Svanire Completamente, un’antologia di quaranta racconti sparsi e racchiusi in una scatola insieme a una serie di oggetti, cartoline, foto e mappe che servono al lettore per comporre la storia, a partire da un episodio casuale. Il libro è stato finanziato interamente da un’operazione di crowdfunding indetta dallo stesso autore e ha raggiunto nei primi due mesi 2.000 copie.

Suona la chitarra e canta nelle band Altro e Tante Anna oltre ad aver realizzato per copertine di band come Baustelle, Tre Allegri Ragazzi Morti, Sick Tamburo, Perturbazione, I Camillas, Rulli Frulli e Raein.

 




 

(29 maggio 2018)

©gaiaitalia.com 2018 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 




 

 

 

 

Facebook Comments

Comments

comments

gaiaitalia.com

Lascia un Commento

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne clicca su "leggi di più". Questo sito utilizza cookies di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi