Home / ARTEMOSTRE&ALTRO / Teatri di Vita presenta “Blink”, dal 29 al 31 maggio #Inscena

Teatri di Vita presenta “Blink”, dal 29 al 31 maggio #Inscena

Teatri di Vita 06 - Blinkdi Gaiaitalia.com

 

L’identità e l’immagine ai tempi del digitale è il tema di uno spettacolo che nel confronto tra arte dell’attore e nuovi mezzi tecnologici prova a offrire il punto della situazione. Si tratta di “Blink”, che la nuova formazione Saveria P. (Saveria Project) presenta, dopo una residenza artistica presso Teatri di Vita, nella Sala Studio (via del Pratello 90/a; info 051.566330) da venerdì 29 a domenica 31 maggio (ore 21; domenica ore 17).

Ideatori e performer sono Luca Carboni e il franco-portoghese Gabriel Da Costa, che a un’intensa esperienza come attori sotto la guida, tra gli altri, di Luca Ronconi e Emma Dante, affiancano una ricerca artistica sui nuovi media. Già in gennaio il duo aveva presentato alla Sala Studio due performances di preparazione di “Blink”, nell’ambito di “Art City” in occasione di “Arte Fiera”. Il progetto”The Blink Experiment” è realizzato da Gabriel da Costa e Luca Carboni per Saveria P. (Bologna) e Collective Novae (Bruxelles), con il sostegno di Teatri di Vita, Ert – Emilia Romagna Teatro, Teatro Presente (Crevalcore), Werkstattgalerie (Berlino). Ho visto una fotografia di me stesso e non mi sono riconosciuto. mi sono domandato: “E’ così che la gente si ricorderà di me?”… Sul palcoscenico ci sono Luca e Gabriel e si sono fatti questa domanda. Ci hanno pensato molto. Ci hanno pensato ancora. Queste sere finalmente sono pronti a mostrare il risultato della loro ricerca. Blink cerca di mettere in scena il secondo che precede il click. Si dice infatti che la fotografia è l’attimo, ma quell’attimo avviene prima della fotografia, prima del mezzo fotografico, della registrazione. La domanda è cosa cerchiamo in quell’attimo. Blink riguarda la creazione d’immagini e la volontà di controllarle, di colpire l’oblio, il posare, la vergogna del mettersi in scena. Blink parla dell’istante perfetto, intrappolato all’interno di un’immagine: quanto l’immagine incide sulla nostra memoria, quanto nell’atto di fermare quell’istante diveniamo registi della nostra vita futura, influendo sulla concezione di noi stessi e sulla percezione del nostro passato? Il lavoro che sarà presentato a Teatri di Vita ha visto un primo studio sotto forma di performance nel giugno 2014 a Berlino presso la Werkstattgalerie, ripreso in occasione di Art City Bologna nel giugno 2015 presso Teatri di Vita all’interno della manifestazione “Macrocosmi”.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

(23 maggio 2015)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

©gaiaitalia.com 2015 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 

Facebook Comments

Comments

comments

gaiaitalia.com

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne clicca su "leggi di più". Questo sito utilizza cookies di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi