Home / ARTEMOSTRE&ALTRO / ARTE & MOSTRE, EVENTI / Roma, al MACRO “Essere o non essere” fino al 9 marzo

Roma, al MACRO “Essere o non essere” fino al 9 marzo

Giulio Paolinidi Anna Paola Locchi

Fino al 9 marzo 2014 il MACRO presenta la mostra Giulio Paolini. Essere o non essere, prodotta con la Whitechapel Gallery di Londra, dove proseguirà in una versione ampliata nel luglio 2014.

L’esposizione, curata da Bartolomeo Pietromarchi, presenta quattordici opere datate dal 1987 al 2013, tra cui un nuovo lavoro ideato appositamente per l’occasione. La scelta dei lavori – allestiti come “isole” di luce in una successione di ambienti in penombra – propone per la prima volta
un percorso monografico dedicato a un tema di particolare rilievo nella poetica di Giulio Paolini: l’autore e il suo ruolo (o non ruolo) rispetto alla concezione dell’opera e al suo manifestarsi.
Per Paolini l’autore non è un demiurgo – non ha nulla da dichiarare né da mettere al mondo – ma un mero spettatore, che attende l’alzata del sipario, l’inizio della rappresentazione, l’artificio di una visione. Laddove compare in prima persona, l’artista veste il ruolo dello spettatore oppure è calato
nella ricerca e nell’attesa del possibile divenire di un’opera. In altri casi è rappresentato attraverso la dimensione dello studio d’artista. La presenza diretta o indiretta dell’autore siinscrive sempre nel cammino imperscrutabile che conduce all’eventuale nascita dell’opera,di cui egli non si considera il creatore, bensì l’ospite.
Il percorso espositivo attraverso le cinque stanze della Sala Bianca
si apre con l’enigmatico autoritratto Delfo IV (1997). Seguono
Big Bang (1997-98) – uno studiolo che evoca l’artista all’opera –
e due installazioni: Immacolata Concezione. Senza titolo / Senza
autore (2007-08) ed Essere o non essere (1994-95).
Quest’ultima, che dà il titolo alla mostra, sviluppa al suolo una scacchiera di tele al recto e al verso intorno alla fotografia di due figure maschili, intente l’una a disegnare e l’altra a guardare quel che sta prendendo forma. Nella terza stanza l’opera Contemplator enim (1992) raccoglie intorno a sé quattro lavori, posti in relazione gli uni con gli altri a formare una complessa situazione riferita all’autore, a una sua controfigura (il valet de chambre
in costume settecentesco) o a un suo gesto “rituale” (mani che disegnano o trattengono qualcosa).
Poco oltre, L’ospite (1999) propone uno studiolo, seminascosto allo sguardo dello spettatore, in cui tra i vari elementi in gioco compare un ritratto di Jorge Luis Borges. Nell’ultima sala l’opera inedita, intitolata L’autore che credeva di esistere (sipario: buio in sala), vede al centro dell’ambiente un “tavolo di lavoro”, orientato verso una “quadreria” di elementi diversi allestiti sulla parete di fronte (teche in plexiglas, tele, riquadri disegnati
a parete). Sulla medesima parete delle immagini in dissolvenza proiettano dei tracciati lineari, corrispondenti alle direttrici prospettiche dello studio dell’artista e degli spazi espositivi del museo.
La mostra sarà accompagnata da una brochure in doppia lingua italiano –
inglese, realizzata grazie al contributo della Fondazione Giulio e Anna Paolini, Torino, e distribuita gratuitamente al pubblico.

 

 

 

 

MACRO
via Nizza 138, Roma
Orario:
da martedì a domenica, ore 11.00-19.00
sabato: ore 11.00-22.00
(la biglietteria chiude un’ora prima)
tlf 06 671070400
www.museomacro.org

 

 

 

©gaiaitalia.com 2013
diritti riservati
[useful_banner_manager banners=19 count=1]

 

 

 

Facebook Comments

Comments

comments

gaiaitalia.com

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne clicca su "leggi di più". Questo sito utilizza cookies di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi