Home / CULTURA / Intrigo ed Amore a Ferrara con “Luisa Miller” di Giuseppe Verdi, Emilio Campanella c’era

Intrigo ed Amore a Ferrara con “Luisa Miller” di Giuseppe Verdi, Emilio Campanella c’era

Luisa Miller Giuseppe Verdidi Emilio Campanella

Al Teatro Comunale di Ferrara, il 10 ed il 12 gennaio, LUISA MILLER di Giuseppe Verdi, che ha inaugurato la stagione lirica del coraggioso teatro.

In cartellone il 7 ed il 9 Febbraio LA CENERENTOLA di Gioacchino Rossini, il 25 Febbraio sarà la volta dell’ORFEO DI Ferdinando Bertoni, prima esecuzione integrale in epoca moderna con criteri filologici (in forma di concerto, con strumenti antichi), ed in chiusura, il 4 ed il 6 Aprile, LA BOHEME di Giacomo Puccini.

L’opera”sperimentale” verdiana andata in scena l’8 Dicembre 1849, venne desunta- con alcune modifiche- dal librettista Salvadore Cammarano, dal dramma giovanile di Friedrich Schiller: KABALE UND LIEBE. Vicenda estrema di passioni, inganni, delitti, sacrifici abilmente shakerati e, soprattutto costellati di pagine memorabili, sfide stilistiche, nuove visioni del tratteggio dei personaggi. Molto impegnativa dal punto di vista del cast vede ben sei primi ruoli, siccome il vilain della storia, Wurm ( qui il bravissimo Cristian Saitta) ha una grandissima importanza, non solo per gli snodi drammatici, ma per l’importanza musicale del personaggio.

Io ho assistito alla pomeridiana del 12 Gennaio di questa coproduzione fra la Fondazione Teatri di Piacenza, la Fondazione Teatro Comunale di Ferrara e Teatro Alighieri di Ravenna, in collaborazione con il Teatro Comunale di Bologna. L’allestimento in intelligente economia consta di fondali dipinti e pannelli mobili, altrettanto dipinti ( Rinaldi, Cervetti) ed alcuni essenziali elementi di arredamento, più o meno riuscite le scene, ma sempre azzeccate le luci di un teatro dalle maestranze di notoria capacità, disegnate da Carlo Schmid. Leo Nucci, glorioso cantante, ha curato la messa in scena teatrale, che umilmente ha desiderato non definire regia; se a volte le scene d’assieme risentono un poco di una certa routine, ma non sempre, i momenti solistici, le scene madri, che non mancano, hanno talvolta una loro grandezza drammatica in linea con la “grinta” musicale dell’opera.

Si parte, come molto spesso con un primo atto dai toni idilliaci, pur con segnali di minaccia, un secondo cupo e violento ed un terzo che presenta segnali di redenzione per poi terminare nella più tremenda tragedia, ma si sa, queste sono le convenzioni del melodramma ottocentesco, cosa che cercavo di spiegare alla signora seduta accanto a me, appena scoppiata in singhiozzi al rendersi conto che la storia sarebbe finita malissimo! Sul podio Donato Renzetti ha condotto con piglio deciso, a volte, forse un po’ troppo, l’Orchestra Giovanile Luigi Cherubini.

In scena il secondo cast con il Conte di Walter di Gianluca Lentini, che era anche nella prima rappresentazione,e che mi è sembrato poco autorevole per il ruolo; Rodolfo era Vincenzo Costanzo, bel timbro, bel piglio drammatico, forse qualche preoccupazione in alto;era invece molto in difficoltà la Federica di Tamta Tarieli, pur elegante nel portamento e di bella presenza scenica. Del Wurm di Cristian Saitta ho accennato all’inizio, anche lui presente alla prima, e perfetto nel ruolo, tanto come interprete vocale che come attore, sempre convincente e credibile. Miller era Byunghyuk Choi, corretto ed intenso. Luisa era Samantha Sapienza che sembrava un po’ spaventata emotivatamente, dal ruolo.

Queste note sui cantanti, si prendano come suggerimenti di giudizio, siccome si tratta di interpreti giovani e di un’opera difficilissima. Comunque già una fortuna, riuscire ad andare all’opera di questi tempi, ed assistere a LUISA MILLER, partitura non frequentatissima!

 

 

 

 

©emilio campanella 2014
diritti riservati
©gaiaitalia.com 2014
per gentile concessione
riproduzione vietata
[useful_banner_manager banners=16 count=1]

 

Facebook Comments

Comments

comments

gaiaitalia.com

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne clicca su "leggi di più". Questo sito utilizza cookies di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi