Home / ARTEMOSTRE&ALTRO / #Venezia72: The Danish Girl, perfetto se detesti le trans (e non è il nostro caso)

#Venezia72: The Danish Girl, perfetto se detesti le trans (e non è il nostro caso)

Venezia 72 - 06 The Danish Girldi Emilio Campanella

 

 

Una vera storia, anche molto importante, con ottimi attori, bella ambientazione anche un po’ finta, una corretta colonna sonora, insomma del “Cinéma de papa” di buon livello, un elegante mélo, peraltro con un tema forte annegato nel tatto per non urtare alcuna sensibilità.

Certo una bella sforbiciata non starebbe male, e se da centoventi minuti si riducesse a cento, potrebbe guadagnarne, forse… Anche perché le ragazze passano mezzore a “fare vestitini”.

Interessante che Grace, la moglie di Lili, dipinga un po’ come Tamara de Lempicka, e Einer/Lili in un classico stile nordico conservatore.

Finale larmoyant in puro genere Lean/Figlia di Ryan. Perdibilissimo. Anzi no, da consigliare a chi detesta le trans, ma sarà difficile convincerli ad andare a vedere un simile film che pure è adatto ai palati delicati.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

(5 settembre 2015)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

©gaiaitalia.com 2015 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 

Facebook Comments

Comments

comments

gaiaitalia.com

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne clicca su "leggi di più". Questo sito utilizza cookies di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi