Home / CINEMA & FESTIVAL / Rendez-Vous 2019: “Edmond”. Anche questa edizione di Rendez-Vous ha la sua perla

Rendez-Vous 2019: “Edmond”. Anche questa edizione di Rendez-Vous ha la sua perla

di Alessandro Paesano #RendezVous2019 twitter@gaiaitaliacom #Cinema

 

 

Edmond (Francia/Belgio, 2018) di Alexis Michalik racconta delle vicissitudini che portarono Edmond Rostand a scrivere il suo capolavoro in versi, Cyrano De Bergerac, una delle opere più popolari del teatro francese.

Per farlo il film traspone nella vita reale alcuni dei meccanismi narrativi della commedia teatrale mostrando come Edmond si sia ispirato alla sua vita privata per approntare il capolavoro. Una concezione romantica della creatività artistica che affermare che l’arte imita la vita.
Poco importa il carattere altamente romanzato del racconto, le imprecisioni storiche, le approssimazioni psicologiche dei personaggi, le forzature ideologiche della storia (soprattutto il personaggio di Honoré, il nero proprietario di un caffè che nel film è l’alter ego di Cyrano, che risponde ai commenti razzisti dei clienti con la stessa verve con cui Cyrano nella pièce di Rostand risponde ai commenti sul suo naso, davvero un po’ precoce per la fine del 1800 quando le persone negre erano ancora un fenomeno da baraccone).
Edmond appronta un immaginario collettivo sulla Parigi di fine secolo (ricostruita a Praga con evidenti interventi della computer graphic) dove i cliché sul teatro (a cominciare dalla interpretazione da donna eccentrica di Sarah Bernardt, fatta da una magnifica, inarrestabile, strabordante Clémentine Célarié),  sulle donne (anche quelle dei postriboli che diventano attrici di teatro) sugli uomini di teatro, invidiosi e libertini, impresari e tenutari di bordelli, famosi e meno.

Poco importa anche il velato maschilismo di fondo per il quale le donne sono d’intralcio, che siano mogli gelose o  attrici dalle richieste esose, o al limite ispiratrici, come Jeanne la costumista che ispira a Rostand i versi del Cyrano, o la generosa cocottes che migliora le capacità recitative del figlio di Coquelin con del vivifico sesso orale prima di andare in scena, ma protagoniste nella vita mai.

Poco importa perché in questo gioco di continuo rispecchiamento, tra vita e teatro, tra teatro e cinema, tra pubblico e narrazione, traspaiono un entusiasmo e un amore sinceri per la cultura, quella che lega la letteratura al pubblico, e il pubblico alla sua identità nazionale.

Edmond che non a caso è l’adattamento dell’omonima pièce portata in scena nel 2017 da Alexis Michalik (che oltre a firmare la regia interpreta anche Feydeau) è soprattutto una sincera, riuscitissima, celebrazione del teatro, e del pubblico che va a teatro, una celebrazione amplificata dal mezzo cinematografico e dal suo pubblico, quello in sala che va a vedere il film proprio come quello teatrale descritto nel film va a teatro.

In stato di grazia gli attori e le attrici del film: da Olivier Gourmet grandioso nell’interpretare Coquelin (un attore che diventerà celebre proprio grazie al ruolo di Cyrano) a Thomas Solivérè che interpreta un Edmond Rostand con molti più capelli di quello originale, da Tomas Leeb che dona tutta la sua bellezza a Leo, l’amico di Rostand che gli ispirerà il personaggio di Christian, a Lucie Boujenah che interpreta Jeanne di cui si innamora Leo (proprio come fa Christian con Roxanne nella commedia di Edmond)   e che Rostand usa come musa ispiratrice, a Mathilde Seigner che interpreta la petulante grande attrice che proviene dai bordelli.

Edmond è un film da vedere perché proprio grazie a tutte le licenze che si prende sa essere un tributo popolare al teatro francese e alla sua letteratura, un omaggio del cinema al teatro e viceversa (splendido il passaggio senza soluzione di continuità, nell’atto finale che vede la morte di Cyrano, dal chiostro ricostruito in palcoscenico con tanto di albero a una ambientazione in un vero chiostro, en plain air) sostenuto da un entusiasmo che al nostro cinema, al nostro popolo, purtroppo manca almeno dai tempi di Puccini.

Il film sarà distribuito in sala dalla BIM.

E anche questa edizione di Rendez-Vous ha la sua perla.

 





 

(6 aprile 2019)

©gaiaitalia.com 2019 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

 


 

Facebook Comments

Comments

comments

gaiaitalia.com

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne clicca su "leggi di più". Questo sito utilizza cookies di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi